Autore

Articoli correlati

2 Comments

  1. 1

    giovanni

    Va bene OK si capisce che gli scarichi delle navi inquinano ma adesso l’Osservatorio ambientale stà esagerando un pochino.
    Con il drone andiamo proprio sulla ciminiera della nave ed analizziamo l’aria: sicuramente ci dirà che è uno scarico mortale se lo mandiamo 10 metri sopra subito dopo che la nave ha acceso i diesel dei generatori quando c’è quel colore scuro.
    OK va bene lo abbiamo capito che inquinano.
    Ma vogliamo prendersela solo con le navi o vogliamo rendere l’aria delle nostre città più pulita?? perchè c’è un altro motivo che è ancora più urgente.
    Gli scarichi delle navi si vedono non appena accendono i generatori elettrici perchè in navigazione i generatori sono collegati ai motori della propulsione e dopo una decina di minuti scompaiono perchè il sistema è arrivato alla temperatura di esercizio e i sistemi di pulizia sono in funzione.
    La cosa più semplice sarebbe obbligarli ad accenderli una mezz’ora prima di entrare in porto e così l’aria sarebbe più pulita.
    Ma i bravi sindaci del comprensorio hanno paura di intervenire su un altro motivo di inquinamento perchè farebbe perdere consensi: fare qualcosa per limitare il traffico di veicoli all’interno della città e magari fare un giretto per controllare se le caldaie casalinghe sono controllate secondo le disposizioni.
    Questi motivi di inquinamento è ancora più pericolosi perchè è a livello di naso dei cittadini.
    Quindi il buon Angeloni & Co ci dovrebbero anche dire cosa intendono fare dopo che i droni ci avranno detto che l’aria sopra gli scaricgi delle navi è mortale.
    Scusatemi se sono stato troppo prolisso ma i motivi di dubbio dell’Osservatorio ambientale non li comprendo appieno.

    Reply
  2. 2

    evandro

    le chiacchiere di angeloni sono solo strumentali.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.