Articoli correlati

10 Comments

  1. 1

    giuseppe

    SIGNORA ENEL, non li sprechi questi soldi , le bici faranno la stessa strada di quelle di prima, indovinate un pò dove ???????

    Reply
  2. 2

    Angelo

    Soldi buttati, vedremo quanto durerà.

    Reply
    1. 2.1

      giovanni

      ” Previsti controlli per evitare danneggiamenti”
      Stiamo sempre lì: c’è chi utilizza un servizio e che controlla come viene utilizzato, è lo stesso del crollo del ponte Morandi che semplicisticamente viene addossato ad Autostrade.
      Le autostrade erano state date in gestione ad una società poi al ministero era stato costituito un pull di tecnici del ministero che dovevano controllare sullo stato della proprietà data in gestione.
      Questi ultimi molto propabimente si saranno ingrassati a furia di pranzi e non solo invece di andare sul posto a verificare le relazioni sulle manutenzioni trasmesse da Autostrade.

      Reply
  3. 3

    sandrino

    soldi buttati
    magari ci potevano sistemare il parco della resistenza,ma così non se ne sarebbe accorto nessuno……………..
    comunque le bici faranno la fine delle altre, perchè le parole sono le stesse………………

    Reply
  4. 4

    maria

    La mente umana come è volubile ed incomprensibile..
    Fino a poco tempo fa, direi pochi giorni fa, il m5s ed i suoi pochi fidi rimasti “sbraitava” dicendo dove stavano le bici del bike sharing:

    https://trcgiornale.it/m5s-che-fine-ha-fatto-il-bike-sharing/

    dopo che vengono installate le bici e le postazioni per l’affitto dicono che non servono!!!
    Certo a queste persone chi riesce a comprenderle è davvero bravo!!!

    Reply
    1. 4.1

      Franco

      Cara Maria è bravo chi vi capisce. Io non sono bravo e ti chiedo: dove hai letto che i 5Stelle sono contrari. Mi pare chiaro che l’articolo che hai linkato neanche l’hai letto. Ti incollo il finale: “Che fine hanno fatto le biciclette ed il sistema di gestione? Avranno revocato anche quello per pagare i super cassonetti intelligenti?”. Se non hai capita era una critica. Purtroppo voi leghisti e company siete fatti così. Pazienza

      Reply
  5. 5

    TG

    Va benissimo il bike sharing, va benissimo l’auto elettrica di rappresentanza che gira per Civitavecchia. Peccato per quella ciminiera ancora attiva che svetta indisturbata sulla città. Dettagli vero?
    Per tacer del porto: in quel caso si punta al rinnovo di un volenteroso blue agreement, si legge.
    Che tanto a occhio e croce dovrebbe bastare a placare per un altro po’ gli animi suscettibili di quei cittadini impegnati a non estinguersi anzitempo causa tumore o infarto.
    Saranno mica gli stessi che noleggiano le bici?

    Reply
  6. 6

    maria

    Caratteristica tipica del personaggio del movimento 5 stelle, parliamo dello scampolo rimasto adepto.
    “O sei con me o contro di me. Le cose sono bianche o nere, o mi aiuti o mi tradisci”.
    Tipico di una chiara distorsione cognitiva.
    Un pensiero rigido in cui le persone rancorose non si rendono nemmeno conto, abituate a rasentare gli estremi, a scegliere posizioni estremiste, oltre ad essere maleducate ed offensive.

    Abbiamo il dovere morale di accettare il passato e avanzare.
    Ciò non significa dimenticare, ma semplicemente imparare .
    Chi non ne è capace, chi non sa trovare una via d’uscita per scappare da tanta rabbia e amarezza, finisce per fare del rancore la sua forma di vita.

    NB. io non sono di nessun partito ma analizzo chi votare ad ogni elezione, nell’ultima ho analizzato cosa ha fatto il m5s e secondo la mia visione è stato il peggior partito che ha avuto la mia CITTA’…

    Reply
  7. 7

    Maria

    Farà la fine di quello già installato e ormai un rudere. Civitavecchia è poca adatta alla circolazione in bici e abbastanza pericolosa vista l’assenza di percorsi protetti (piste ciclabili) e da un traffico indisciplinato e caotico soprattutto in centro. Vuoi incentivare l’uso delle bici, fuori le auto dal centro. Crea zone di parcheggio di scambio, ecc. Ma è difficile sdardicare lo struscio in macchina da corso marconi a viale della vittoria. Peccato che i soldi non siano stati spesi per opere più utili alla città.

    Reply
  8. 8

    mario dp

    settembre è quasi finito e di biciclette nemmeno l’ombra…

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *