Articoli correlati

5 Comments

  1. 1

    alessandra

    Siccome siamo in Italia, nessuno pagherà per il disastro, come nessuno ha mai pagato nel passato.
    Altro che risanamento , usciranno fuori altre magagne, che per risanare questo Comune, in tutte le sue problematiche, non saranno sufficienti i cinque anni di questa nuova amministrazione.
    Ai 5s, consiglierei di chiudersi in un dignitoso e “religioso silenzio” .

    Reply
  2. 2

    saverio

    Non solo una commissione andrebbe fatta super velocemente su Civitavecchia Infrastrutture ma su tutti quei danni fatti da cozzolino , gli assessori, i consiglieri i delegati del m5s.
    La città è stata messa a terra come se fosse passato un bombardamento a tappeto.
    Non esiste più una identità , un modo di vivere, una vita sociale, un sistema per scambiare idee anche essendo di diverse sponde politiche.
    Questo prodotto da questi lunghi e buii cinque anni di malgoverno cittadino.
    E’ esistito solo egoismo, istigazione all’odio, menefreghismo perchè cozzolino e chi lo ha appoggiato doveva dimostrare che era diverso da chi non era d’accordo.
    Se ci fosse una giustizia divina ,già sarebbero stati puniti , perciò aspettiamo con pazienza che la giustizia terrena faccia il suo corso e li punisca per tutto il male fatto alla città ed a noi cittadini abitanti.

    Reply
  3. 3

    marco lillo

    Noto con stupore che c’è ancora qualcuno che crede a questi mistificatori di realtà. Civitavecchia Infrastrutture era una scatola vuota che è servita allla vecchia politica per assegnare qualche bella poltrona, con lauti stipendi, a parenti ed amici dei potenti. Andate a vedere chi erano i dipendenti di Civitavecchia Infrastrutture e poi e parliamo. Una società tenuta in piedi, con costi molto elevati, per emettere 5 fatture al mese. Ma purtroppo il buon civitavecchiese abbocca a tutto senza verificare la veridicità delle dichiarazioni di questa gente che appartiene a quella vecchia politica che Civitavecchia l’ha cannibbalizzata davvero.

    Reply
  4. 4

    alessandra

    Al sig. Marco lillo che pensa che i civitavecchiesi abboccano a tutto, sappiamo tutti come funziona e perchè sono state costituite queste partecipate, lo sa tutta Italia.
    Ma saper scegliere la dirigenza che amministra queste società, è altra cosa.
    La colpa di chi è del Sindaco di turno e del proprio entourage politico, pensi che accontentano anche politici dell’opposizione, quelli con cui molte volte fanno finta di discutere acerrimamente.
    il punto resta sempre un altro, saper far funzionare e gestire al meglio la Cosa Pubblica.
    Saluti.

    Reply
  5. 5

    Michele

    La vecchia politica si è dimostrata migliore di quella fatta degli ultimi cinque anni di cozzolino…
    E qui parliamo di dati alla mano non di chiacchiere di bottega come di solito fare il civitavecchiese tipico che critica tutto e tutti e quando stà al potere o al comando è incapace di fare qualsiasi cosa e dà la colpa agli ALTRI…
    Ogni partito negli anni prima di cozzolino quando andava al comando della città criticava quello che non riteneva giusto e lo cambiava come credeva opportuno e lasciava quello che invece secondo le sue idee era fatto bene.
    La comitiva degli incapaci con a capo cozzolino non ha fatto altro che criticare prima e dopo le elezioni , non facendo nulla per cambiare quello che riteneva sbagliato e cambiando in peggio nelle sue poche azioni politiche , dati e numeri alla mano.
    Ha peggiorato la situazione su tutto , sul commercio e artigianato uguale, sui lavori pubblici GNENTE, sull’inquinamento emblematica la risposta di arpa voluta da manuedda, strade manco a parlarne, acqua lasciamo perdere, con gli enti grandi tipo enel, ferrovie, tirreno pwer, porto , ect… ha fatto la voce grossa come il canto del silenzio, altre cento questioni peggiorate.
    E’ ora che certi personaggi si ritirino su un eremo a meditare gli errori pagati da noi cittadini lasciando i soldi dei danni subiti da noi poveri abitanti di civitavecchia.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *