Articoli correlati

6 Comments

  1. 1

    Laura

    Il video dell’episodio è stato filmato da una solerte cittadina, abitante del posto, che ha poi pensato bene di metterlo in rete. Il video ha iniziato a rimbalzare tra chat e social, in barba a qualsiasi riguardo per la privacy. Stessa sorte hanno avuto foto circolate nei giorni scorsi in cui si vedono persone prelevate dalle proprie case in ambulanza. Viviamo in una città relativamente piccola, è facile riconoscere luoghi, abitazioni e persone.
    Nessuno nega la necessità di osservare le regole specie in un momento del genere ma i pruriti curiosi tendenti al morboso di chi fa circolare video e foto del genere andrebbero quanto meno evitati. Facciamo tutti uno sforzo per mantenere discrezione e buon senso e pensare ciascuno a fare il proprio dovere.

    Reply
    1. 1.1

      giovanni

      Capiscimi bene: io sono uno di quelli che se prendo il contagio ci rimette le penne per cui me ne stò tranquillo in casa e rischiare il contagio perchè qualche sconsiderato se ne frega degli altri, perchè è questo “io fò come @@@@@ mi pare”, e tu parli di privacy e “pruriti curiosi tendenti al morboso”.
      E’ di ieri la notizia che in Lombardia il 40% dei telefonini erano fuori zona mentre il contagio va alla grande con migliaia di morti, di questo passo andremo a terminare le restizioni a fine maggio se va bene perchè sino a che ci sono ampie zone dove il contagio prospera nessuno si azzarderà a togliere le restrizioni a livello nazionale mentre è di oggi la notizia di 0 contagi a Wuhan.

      Reply
    2. 1.2

      Asdrubale

      Posso capire la privacy per tanti motivi, specie per chi viene prelevato dall’ambulanza ( cosa disgustosa chi fa video cosi ) ma per chi infrange un decreto nazionale con rischio di epidemia sarebbe da metterlo alla berlina con faccia sulla notizia altro che privacy.

      Reply
  2. 2

    Marco

    .. Discrezione?… La vorresti se per colpa di un’idiota qualcuno vicino a te fosse contagiato?… Nome e Cognome altro che privacy… Così se abita vicino casa mia due belle” secchiate” alla Marchese del Grillo tutte le volte che esce..

    Reply
  3. 3

    Luna

    Dovete sempre tenere presente che i dati sui nuovi casi risultati positivi sono assolutamente fallaci e fuorvianti.
    Ricordatevi che i tamponi li fanno solo a chi ha sintomatologia e non a tutti.
    Ricordatevi che questo maledetto virus si sviluppa nelle persone rendendole infette e pertanto in grado di infettare, in modo asintomatico, più chiaramente, non fanno neanche un colpo di tosse, ma comunque sono infetti e infettano.
    E’ questa cosa che mi mette davvero paura, è questo il motivo della così larga e rapida diffusione!
    TAMPONI PER TUTTI E SUBITO!!!!!!

    Reply
    1. 3.1

      giovanni

      E’ proprio nella seconda parte del tuo post dove metti in evidenza che non è possibile individuare l’untore per cui è meglio rispettare le indicazioni del governo e stare tutti e ripeto tutti a casa visto che 60 milioni di tamponi da ripetere ogni 7 giorni non li abbiamo perchè il periodo di incubazione è di 6-7 giorni.
      Riguardo la prima parte da come scrivi sei certa che ci stanno raccontando una serie di cavolate per metterci paura: vallo a raccontare a quelli che sono con un piede di quà e uno di là in sala di rianimazione e a quei 3-4 mila che ci hanno rimesso le penne.

      Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *