Autore

Articoli correlati

4 Comments

  1. 1

    giovanni

    Tanti galli a cantà non si fa mai giorno!
    Il turbogas NO, l’ENEL da Civitavecchia deve sparire almeno nel 2035 OK.
    Il tutto senza avere la minima idea di quale possa essere il futuro in sostituzione dell’ENEL.
    Di TVS però non parla mai nessuno!
    Non vorrei che ci siamo incartati da soli.

    Reply
    1. 1.1

      francesco

      caro giovanni, da tvs ( e dal porto) nun se becca nà lira……………..
      Quindi,inutile parlarne.

      ma non preoccupiamoci,mò ce pensa de sio, a mette tutt’apposto.

      Reply
  2. 2

    il nicchio

    …sicuramente un esito positivo la risoluzione votata all’unanimità dal Consiglio Comunale, anche se bisogna constatare l’ennesima giravolta della Lega…prima Si, poi No, poi forse, adesso di nuovo Si…ma!…cari giovani leghisti, vi vedo, come su altre questioni, un pochino confusi…se non siete capaci, fate come nel pugilato, gettate la spugna ed andate a casa….

    Reply
  3. 3

    Rufus TerraNera

    Le centrali elettriche di Civitavecchia sono e resteranno, visto che non c’è possibiltà di costruirne di nuove altrove, punto fondamentale per la produzione nazionale di energia, che serve in abbondanza per la produzione industriale e per la vita di tutti i giorni, in parole povere per il benessere. A fronte di questo dato incontestabile dubito che il parere dei cittadini e dei politici locali conti più qualcosa. L’unica strada è cercare di costringere i responsabili ad adottare al meglio tutte le tecnologie per la limitazione degli inquinanti e cercare di trarne maggior vantaggio possibile nella forma di lavoro sostenibile, sviluppando contemporaneamente le tecnologie per le fonti rinnovabili. Il resto sono ormai favole. Sul lavoro generato dal porto, dopo anni e milioni di euro di investimenti, ho paura che per il presente e immediato futuro non c’è da contarci. Speriamo bene per gli anni a venire.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *