Articoli correlati

2 Comments

  1. 1

    giovanni

    A2A ha prospettive di esercizio più a lungo termine mentre TVN tra 4,5 anni dovrà chiudere per cui la tattica penso sia questa: abbiamo tre gruppi di cui 2 quasi sempre fermi, portiamo a distruzione un gruppo per volta e facciamo solo le manutenzioni indispensabili ad arrivare al 2025.
    Non si deve mai dimenticare che ENEL è una società per azioni che ha altre centrali in giro per l’Italia e che DEVE dare utili agli azionisti, forse con troppa faciloneria si è accusata la centrale a carbone di tutti i mali di Civitavecchia.
    I cosiddetti ambientalisti si accorgeranno del danno fatto quando avremo un migliaio di cassintegrati di cui una parte già ci sono tra porto, metalmeccanici e centrale e che la salubrità dell’aria di Civitavecchia non sarà migliorata sarà troppo tardi

    Reply
  2. 2

    Emanuele D

    E’ una questione relativa a sapere di che argomento si stà parlando..
    Petrelli sono anni che ci propina sempre la stessa solfa, basta che legge qualcosa di cosa fanno gli altri di buono da internet e lo propone non sapendo e non avendo le conoscenze tecniche e amministrative se è proponibile ma sopratutto attuabile.
    Prima di dare fiato all’aria fritta sarebbe necessario che si avvalesse delle conoscenze nonchè competenze di esperti del settore se possibile da applicare.
    Purtroppo di scienziati adattati alla ecologia ed ambiente civitavecchia ne è piena , tutta gente che gioca con la vita delle persone a fini politici , vedi i vari manuedda , cozzolino, menditto , floccari speriamo di non vederli più a capo della città di danni irreparabili ne hanno fatto troppi per perdonarli.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *