Articoli correlati

6 Comments

  1. 1

    sandro

    Molto interessante, sarebbe bello salvaguardarlo e trasformarlo in museo ,magari integrato con altri reperti industriali d’epoca, un pò come fatto al museo di Piana delle orme.
    In molte città e paesi europei una cosa del genere sarebbe subito sfruttata come attrazione turistica.
    Certo, bisognerebbe sapere, quali sono i piani delle figure interessate riguardo l’area.
    Comunque tranquilli, siamo in Italia, quindi,probabilmente,sarà il primo edificio ad essere demolito.

    Reply
  2. 2

    Francesco Etna

    A Catania ed in altre zone d’italia hanno salvato molti manufatti industriali trasformandoli in centri fieristici, auditorium o centri di attrazione. Qui oltre a quanto accennato salverei uno dei grandi capannoni per farne un auditorium e le due ciminiere come simbolo della passata città industriale. dipinte a strisce coi colori dell’arcobaleno.

    Reply
  3. 3

    giovanni

    Questo è un articolo del 12 Settembre 2018 e penso che tutt’ora non si sa che fine farà l’area ma soprattutto cosa ci si dovrà fare sopra ma soprattutto se dopo Italcementi la cederà “aggratis” al comune di Civitavecchia.
    E’ una area piena di amianto la cui demolizione costerà un occhio per farla in sicurezza per la gente che ci abita intorno a causa di eventuale pulviscolo che potrebbe uscire: normalmente per demolire una struttura come questa dovrà essere chiusa ermeticamente con teli di plastica sorretti da strutture provvisorie e messa in depressione e proprio per questo Italcementi ancora non lo ha fatto.
    Dato che i lavori della parte meccanica è già iniziata già a gennaio del 2019 sarebbe opportuno che TRC o qualcun altro informi la cittadinanza sull’efficacia dei controlli e sullo stato di avanzamento dei lavori.
    Sono andato a cercare cosa ha fatto il Comune di Civitavecchia: i primi accordi furono fatti da De Sio, poi Moscherini e infine Tidei con interessi anche del Porto non trascurando che anche Italcementi ha interessi ma tutti concordi con idee di cementificazione selvaggia con grattacieli da 100-120 mt altro che parchi o zone recuperate ai fini storici .
    Sono in troppi galli a cantare e se non si trova chi tira fuori i soldi per la demolizione e l’acquisto delle aree la fine la vedranno i nostri nipoti.

    Reply
  4. 4

    sandro

    mi risulta che parti solide , in muratura,siano state smontate la notte. Residenti della zona hanno girato numerosi video. Ma siamo sicuri che non sia tutto eternit?

    Reply
    1. 4.1

      giovanni

      L’amianto normalmente i è presente nelle coperture degli edifici e nelle coibentazioni per le alte temperature ma negli anni le polveri hanno ricoperto tutte le superfici.

      Reply
  5. 5

    giovanni

    L’amianto normalmente i è presente nelle coperture degli edifici e nelle coibentazioni per le alte temperature ma negli anni le polveri hanno ricoperto tutte le superfici, prova a guardare la foto con tutta quella polvere grigia sopra i tetti e a terra.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *