Articoli correlati

6 Comments

  1. 1

    Marco

    Va bene non lavorare la domenica, ma ridurre del 50% la raccolta della plastica che è quella che ci fa maggiore volume in casa è una pessima idea, pensate alle famiglie numerose sopratutto. Piuttosto è meglio ridurre l’organico che fa meno volume e si parla di un 33% non del 50% … considerate anche che spesso si salta per risparmiare sulle buste organiche che costano abbastanza

    Reply
  2. 2

    giovanni

    La plastica e la carta sono dei rifiuti quasi completamente riciclabili e ci sono aziende di riciclo che pagano tanto a tonnellata per avere questo rifiuto confezionato in balle.
    Non ho mai saputo che fine fa il contenuto raccolto dal comune dei nostri bidoncini, qualcuno potrebbe spiegarlo?
    Non vorrei che non ritirare questi rifiuti in particolare la plastica si traduca in un regalino per le aziende di riciclo che magari ci faranno pagare per questo servizio.

    Reply
  3. 3

    alessandra

    L’organico puzza, sopratutto nei periodi caldi, all’interno delle abitazioni non si può tenere a lungo, non tutti hanno balconi o giardini, la plastica da questo punto di vista è gestibile.

    Reply
    1. 3.1

      Marco

      Se qualcosa puzza tanto mettilo dentro un sacchettino dell’ortofrutta e poi c’è chi ci mette la segatura da organico ( la vende il lidl ), e comunque un secchio chiuso e sotto il lavello non puzza in casa, io lo svuoto 2 volte a settimana in estate e una in inverno.
      NB è indicato nel regolamento di non svuotare il secchio se è quasi vuoto

      Reply
      1. 3.1.1

        alessandra

        gentile sig.marco, uso tutte le precauzioni del caso compreso i sacchetti, ma vorrei farle notare che non tutte le cucine hanno spazio sufficiente, io sotto il lavello posso mettere solo il secchio piccolo dell’umido, non l’altro e nonostante resti chiuso, le assicuro che d’estate si sente cattivo odore.
        Comunque, come in tante altre realtà italiane, la raccolta porta a porta per città densamente popolate è inadeguata.
        Un lettore poco tempo fa nei commenti ha inserito un link dove faceva vedere che in altre città come Pisa, per esempio, ed io l’ho visto personalmente sul posto, la raccolta differenziata avviene su strada dove hanno dei secchioni non di grande dimensione in cui il cittadino inserendo una tessera getta tranquillamente i propri rifiuti…SOTTOLINEO DIFFERENZIATI….ALTRO CHE SEGATURA….

        Reply
  4. 4

    Luciana

    Va bene tutto… ridefinire le giornate di ritiro, i turni festivi, migliorare la raccolta differenziata sotto molti aspetti ma, l’importante è non girare le spalle a uno dei pochi progetti che finalmente hanno portato la nostra città a un inizio di coscenza per il rispetto dell’ambiente.
    Penso che sia importantissimo e urgente aumentare i secchietti in giro per le strade per buttare gli escrementi dei cani.
    Tantissime persone che escono tutti i giorni, più volte al giorno, devono portarsi dietro, per tutto il tempo della passeggiata, la bustina con le feci del proprio cane in mano.
    Inoltre, ritornare, come si vocifera per le strade cittadine, alla raccolta con i cassonetti, proprio ora che anche le persone anziane si sono abituate a “differenziare”, sarebbe davvero una grande sconfitta per tutto il sistema.
    Grazie.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *