Articoli correlati

16 Comments

  1. 1

    Ale

    Signori, la cosa è preoccupante, anche di sera le navi fumano solo che di sera i fumi neri sono chiari per le luci del porto, sono sempre almeno tre navi contemporaneamente, ci stanno prendendo in giro è grave tutto questo.
    La capitaneria di porto cosa fa? Assessore all’ambiente e Sindaco dovete darvi una svegliata, la diplomazia usatela in altri campi, e a questo punto da cittadina voglio sapere se questo sbandierato accordo tra i 5s e porto esiste nero su bianco, se viene rispettato e visto che non è così cosa si sta facendo o se come dice trc è uno “scherzo”.
    Comunque l’unico interesse che i cittadini hanno è che tutto questo finisca.

    Reply
  2. 2

    sandrino

    li hanno multati una sola volta.
    mi hanno spiegato,i bene informati,che conviene prendere una multa ogni tanto, che sistemare i motori o cambiare combustibile.

    è tutto previsto.
    AMBIENTALISTI: lanciate iniziative,noi vi seguiremo!
    non attaccatevi solo all’ENEL……………

    Reply
    1. 2.1

      Ale

      BASTARDI….E’ ORA DI RIBELLARCI TUTTI, AMBIENTALISTI E NON…..I TUMORI VENGONO A TUTTI SIA A CHI SI INTERESSA E DENUNCIA SIA A CHI DICE”TANTO NON CI SI PUO’ FARE NULLA” E NON FA NIENTE………………
      COSA STIAMO ASPETTANDO!!!!!

      Reply
  3. 3

    Tom

    Da Tanto tempo il cielo di Civitavecchia è variegato,strisce scure di fumi paralleli al suolo ed al mare nei giorni di calma con addensamenti in varie parti della città con colpe attribuite ora alle centrali ed ora alle navi,si è pensato a tante cose,alle ricadute al suolo ed all aspetto visivo. Qualita^ del combustibile,elettrificazione delle banchine,ma mai nessuno che tecnicamente o altro modo almeno provi a proporre il sistema di alimentazione elettrica sulle banchine tramite elettro moto generatori.Questo sistema esiste,si chiama “cold ironing”ed è stato già proposto al porto di Venezia,si tratta di motore Rolls-Royce Bergen alimentato a Gas metano 1850m 3 /h 8,5 MWe Energia elettrica 8,44 MWt Energia termica Acqua a 48 C 760 kw Acqua a 80 C 990 kw Acqua a 89 C 2158 kw Fumi a C 4530 kw Perdite 1,41 MW 5 che consente di alimentare navi ormeggiata e di produrre acqua calda per riscaldamento e refrigerazione negli ambiti portuali.Quindi in attesa di energie derivanti da idrogeno o similari molto più sostenibili di quanto disponibili al momento, si brucerebbe metano

    Reply
  4. 4

    Vincenzo

    ormai è chiaro che sia le autorità, che la politica, hanno paura ad affrontare gli armatori con le maniere forti,teniamo duro e continuiamo a ribellarci, facciamo esposti alla magistratura, prima o poi qualcuno si muoverà

    Reply
    1. 4.1

      Ale

      E’ quel qualcuno che mi preoccupa, perchè qualcuno si muoverà quando non ci mangerà più con gli armatori, purtroppo si è ormai capito, da tanto tempo, che tutti hanno un prezzo.
      Forse l’ultima chance è che tutti noi cittadini organizzandoci in massa andiamo a protestare prima sotto il porto poi sotto il Comune e siccome sono pessimista ho l’impressione che non basterà una sola manifestazione.

      Reply
  5. 5

    Vincenzo

    ma il sindaco dov’è? non ha mai preso una posizione sul problema, come sulla spazzatura romana, oltretutto indifferenziata, che giornalmente interrano a fosso del prete.
    ricordiamocelo alle prossime elezioni…………………..

    Reply
  6. 6

    PINO

    e’ UNO SKIFO

    Reply
  7. 7

    Valerio s

    E certo che chi vive a civitavecchia si ricorda..
    Lo ha fatto con cozzolino , menditto , manuedda, floccari , e la loro banda..
    I cittadini li hanno giudicati colpevoli dello SKIFO attuale e per questo non li hanno votati!!!
    State certi che nessuno voterà , se non gli amici degli amici certi personaggi!!!
    Chi vive a civitavecchia sarà anche un credulone , potrà cadere nelle bugie del m5s una volta, ma se lo freghi ti ricorda per sempre!!!

    Reply
  8. 8

    giulio

    Non solo i fumi del porto, noi che abitiamo su via Rodi ,strada mediana, largo Cristoforo verde dobbiamo subire dalle prime luci del mattino e fino a notte un continuo andirivieni di mezzi pesanti che potrebbero benissimo usare l’autostrada per il porto e la zona industriale. Detti mezzi oltre al rumore assordante con il loro transito emettono una quantità enorme di fumi tossici e noi che risiediamo in loco anche con il caldo dobbiamo tenere chiusi balconi e finestre per non intossicarci e nessuno prende provvedimenti per evitare questo. Oltretutto pare ci sia una Ordinanza che vieti il transito di detti mezzi per la città. Organizziamoci e facciamo sentire la nostra voce e se del caso blocchiamo la strada.

    Reply
  9. 9

    vincenzo

    in passato furono spesi una marea di soldi pubblici per i varchi elettronici che dovevano multare i mezzi pesanti non autorizzati(la maggior parte), mai andati in funzione! non c’è la volontà, se il sindaco vuole, in poche ore risolve la situazione

    Reply
  10. 10

    vincenzo

    dimenticavo, gli stessi mezzi pesanti, sono gli stessi che hanno devastato i dissuasori in gomma, messi per delineare le corsie su via Terme di traiano, all altezza con incrocio mediana rotonda tribunale, tali dissuasori sono stati rimessi ben due volte nuovi, con sperpero di denaro pubblico, possibile che non si riesce ad installare una telecamera e far pagare tutti i danni ai responsabili?

    Reply
  11. 11

    sandrino

    si organizzi una manifestazione pacifica all’ingresso del porto,lato viale garibaldi, un sit-in all’americana,con la gente che gira in tondo,con i cartelli in mano!

    comitati contro l’inquinamento, ORGANIZZATE!!!!!!

    certo se parenti o amici,lavorano,magari,per alcune compagnie di navigazione………….

    Reply
  12. 12

    andrea c

    Necessariamente si dovrebbe parlare con cognizione di causa.
    I varchi elettronici hanno sempre funzionato ed è facilmente riscontrabile dalle numerose multe fatte negli anni , basta saper andare a leggere documenti ufficiali.
    Poi è arrivata la giunta cozzolino che ha pensato bene di fare solo per un periodo di tempo la manutenzione affinchè funzionassero.
    Dopodichè i varchi non hanno più funzionato.
    Sempre con documenti da leggere.
    Per il loro costo anche qui inesattezze a non finire, perchè sono anni che ci sono e che venivano utilizzati correttamente , tantè che fino a prima di cozzolino c’erano pochissimi camion che passavano al centro della città.
    Il loro costo è stato irrisorio e sono stati per molti anni perfettamente funzionanti con costi irrisori di manutenzione oltretutto hanno agito da deterrente per passare al centro della città.
    Dati e fatti reali riscontrabili di dominio pubblico dal bilancio.
    Se le cose non le sai salle!!!

    Reply
  13. 13

    vincenzo

    sempre a dare la colpa a chi vi ha preceduto, bene! comunque anche fosse come dice il Sig. Andrea C, dal 25 giugno 2019, potevate ripristinarli così invece di fare cassa con le multe ai civitavecchiesi per le cause più banali, le facevate a ragion di causa alle società di autotrasporto, che danneggiano anche il manto stradale, rotonde e come detto i birilli che delimitano le corsie nei punti strategici.

    Reply
  14. 14

    andrea c

    La vita della città e delle azioni di chi l’ha svolta và raccontata con la verità, nell’attuale e nel passato.
    I fatti accaduti ,a prescindere da chi li ha svolti , vanno raccontati con la realtà.
    I documenti parlano chiaro e vanno visti con gli occhi, non della persona che guarda solo quello che gli piace da leggere , ma dalla persona HONESTA nel vero senso della parola.
    E’ realtà dei fatti che la giunta cozzolino tra le sue pessime azioni ha smantellato , non facendo manutenzione , il controllo dei varchi ed ha permesso che l’inquinamento aumentasse.
    Conseguenza nefasta per la città.
    Il m5s non ha utilizzato i soldi dei cittadini per fare manutenzione per far sì che la città avesse un minimo di civiltà e di controllo dell’ambiente e della salute dei cittadini.
    Se poi la nuova giunta riuscirà a far ripartire tale controllo sarà un bene per tutti, ma la condanna rimane per manuedda come assessore all’ambiente , menditto resp all’ambiente ect…
    Ecco perchè si necessita di parlare di cose che si sanno attraverso documenti e fatti reali, non di invenzioni al momento tanto per far sì di far valere le proprie ragioni.
    Tanto andava detto per senso di responsabilità.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *