Articoli correlati

2 Comments

  1. 1

    sandro

    salve.
    la frase “progetto in contrasto con qualsiasi ipotesi di sviluppo sano, ecocompatibile e di possibilità occupazionali nel nostro territorio.” sono decenni che la sento nominare,ma mai una proposta concreta.
    Avanti, fuori le idee con i numeri degli eventuali occupati!
    Dimostrate,politici di tutti gli schieramenti,che oltre a lavorare per il comune,per l’enel,e per il porto, oppure fare i pendolari e stare 12 ore fuori casa ,ci sono altre possibili alternative!

    Reply
  2. 2

    giovanni

    La situazione attuale dell’ENEL scoraggia qualsiasi investitore a creare qualcosa di concreto a Civitavecchia.
    L’ENEL aveva costruito TVN a carbone con una concessione a produrre fino verso il 2035 se non erro e oggi ridotta fino al 2025.
    Con queste premesse sfido chiunque trovare un imprenditore deciso a realizzare una impresa con termini tanto aleatori e legate a cambi di colore delle amministrazioni pubbliche o alle indicazioni di associazioni politiche culturali.
    Con l’eventuale dismissione di TVN si parla di ricollocare almeno un migliaio di lavoratori: ci sono imprenditori locali a forestieri disponibili a creare lavoro per questi esodati?? e soprattutto molto in fretta perchè il 2025 non è tanto lontano.
    Io ricordo quando un partito politico locale non esitò ad affondare una officina locale che dava lavoro al momento a c.a. 300 lavoratori e quando i vari partiti sempre locali decisero di sponsorizzare piccole aziende create dal nulla al fine di accattarsi commesse con sconti superiori al 50%.
    E quei politici di quel tempo sono sempre quì a Civitavecchia e non si sono ritirati a vita privata ma stanno nell’ombra alle spalle di nuovi politici.
    So che mi farò un fracco di “amici” ma sarebbe ora che passino dalla teoria, utopia ai fatti altrimenti Civitavecchia diventerà una seconda La Dispoli piena di pendolari sempre che trovino lavoro come ha detto Sandro.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *